Solita paura

Amare una persona chiusa e introversa è difficile. È logorante starle vicino, giorno per giorno, senza sapere cosa le agiti l’anima, senza poterle chiedere di parlarti dei suoi problemi, senza poterle parlare dei tuoi.

 

Ci sono state mattine in cui ti sei svegliata e l’hai trovata diversa, ti ha salutata affettuosamente, ha riso, ti ha raccontato qualcosa che le è capitato a lavoro e, a volte, ti ha addirittura chiesto della tua giornata.

Ogni volta, improvvisamente, ti assale la solita paura angosciante di essere troppo felice per quel cambiamento, la paura di crederci, la paura di rovinare tutto con qualche atteggiamento sbagliato.

Ti ripeti che la volta precedente ti eri ripromessa che non ti saresti più lasciata illudere così, che non ci avresti più creduto, ma puntualmente la felicità riesce a rompere lo schermo della tua diffidenza e, puntualmente, soffri.

Solita pauraultima modifica: 2010-04-26T21:15:00+02:00da aesha
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Solita paura

  1. Domenica sono diventata ancora blog del giono?
    lo dico sempre che sono una raccomandata, mi hai raccomandata tu?
    O forse Virgilio da quando gli ho schiacciato l’occhiolino si e’ innamorato di me,per favore non ridere, sono una bella donna…alta, bionda con gli occhi azzurri, una specie di vichinga,probabilmente sono di suo gusto, e poi vuoi mettere la classe che va a braccetto con l’ironia?
    Ora sai il perche’, ma per favore non dirlo a nessuno….RIDO VA! :-)))

  2. Non aver paura , ascolta il tuo cuore e se ti accorgi di sbagliare qualcosa cambia, fai l’esatto contrario, ma ricorda che non e’ sempre colpa nostra, ed in un incontro e’ fatto di due persone che cercano di avvicinarsi nonostante i propri limiti, per amarsi , volersi bene e soprattutto capirsi,non soffrire, ma goditi la tua felicita’ nel momento in cui arriva
    un abbraccio

Lascia un commento