Sogno

La mia immagine nello specchio era esattamente la stessa, i capelli sciolti e umidi avevano lo stesso profumo di sempre e quel bagno, Dio, era davvero come tutti gli altri. Era così bello stare lì, immersa in quella luce completamente bianca, ed essere lavata lentamente da qualcuno che, in realtà, era come se non mi vedesse sul serio. Non c’erano i … Continua a leggere

Treno

Quante persone si saranno sedute su quel piccolo sedile blu vicino al finestrino? Centinaia? Migliaia? Milioni? Donne, uomini, ragazzi, bambini. Italiani, stranieri, turisti, extracomunitari, clandestini senza biglietto. Buoni, cattivi, tristi, euforici, felici, solitari, in compagnia. Uomini d’affari, padri di famiglia, donne incinte, fedifraghi, mutilati, corrotti, ingenui, pettegoli, bigotti, estremisti. Suore, preti, missionari, militari, medici, insegnanti, venditori, rapinatori, venditori di cammelli… Chissà… … Continua a leggere

Muschio

Stare con qualcuno, diventare grandi assieme, fare progetti… quanti ricordi, quanti sogni, i viaggi, una casa, che bello, l’eternità, magari, chissà. Lo si dice scherzando a volte, ironicamente, quasi fosse impossibile, così giovani, al giorno d’oggi, resistere tanti anni. Belli, diversi, complementari, gli alti i bassi di sempre per questo. Un brutto periodo poi, mille impegni, poco tempo da passare … Continua a leggere

Chiacchiera serale

Ormai sono diventata così brava a modificare le immagini al computer con mezzi di fortuna e programmi occasionali trovati qua e là in internet che potrei davvero iniziare a farlo come lavoro! Ho fatto dei perfetti inviti per una festa… meriterei qualche soldo, insomma, almeno una pizza, ecco!   Ad esser sincera, anche se da una parte vorrei che me … Continua a leggere

Bordi

Spesso mi chiedo cosa la gente che passa da qui riesce a capire di me, di quella che sono. Rileggendo qualche post mi sono resa conto che, probabilmente, chi non mi conosce, potrebbe facilmente essere indotto a credere che io sia una ragazza solitaria, un po’ malinconica o depressa, ma in realtà non è così. Certo, non sono il ritratto … Continua a leggere

Stalattite

Un tempo, quando ancora scrivevo tante mail a lui che era così lontano e che così poco sapeva della mia vita, scrivere mi sembrava molto semplice. Poggiavo le dita sulla tastiera e lasciavo che i pensieri mi conducessero lontano. Senza problemi raccontavo di me e delle mie giornate, nominando persone e luoghi che lui, probabilmente, non avrebbe mai conosciuto e … Continua a leggere

Delicatezza

Vorrei un nastro azzurro da mettere nei capelli per fermare i ricci, oggi   Dell’erba umida su cui correre, un sentiero che mi conduca lontano da questa città. Un fiume in un bosco di altissimi alberi arancioni, il sole ancora basso a est. Una mano, la tua, tesa su quella piccola rupe da cui mi vorrei tuffare, un vestito bianco … Continua a leggere

Vincent van Gogh

C’è un quadro, un quadro più di tutti gli altri, che riesce a catturare il mio cuore. Un quadro in cui vorrei entrare, in cui mi piacerebbe camminare e vivere mentre i tratti di pennello che compongono il cielo pian piano si muovono su di me e si attorcigliano, rotolano, si mischiano. Mi piacerebbe avere il corpo fatto solo di … Continua a leggere

Costanti

Ci sono cose che non cambiano e che, forse, non cambieranno mai. Abitudini di cui, spesso, nemmeno ci rendiamo conto, come addormentarsi a pancia in giù, iniziare a truccarsi dallo stesso lato del viso, infilare prima la gamba destra nei pantaloni, allacciare le scarpe in un particolar modo, contare i gradini salendo le scale, non calpestare mai le crepe dei … Continua a leggere

Prima di dormire

È da molto tempo ormai che, la notte, prima di chiudere gli occhi e lasciare che il buio mi trascini via, sempre lo stesso pensiero accompagna i miei ultimi attimi di veglia. Sola, nel piccolo letto della mia stanza, immersa nel buio e nel silenzio della periferia, mi sento fragile e tremula come l’ultima foglia gialla d’autunno e, guardando nel … Continua a leggere