Carta velina

Ieri è stato bello accendere il computer alle 23.45 e sapere che avrei trovato una tua mail. È stato bello rilassare un attimo gli occhi tra le tue righe bianche dopo aver passato tutto il pomeriggio e la sera a studiare. È stato bello leggere quel tuo mezzo rimprovero che, ti giuro, mi ha davvero fatto ridere.

 

È stato bello infilarsi nel letto e pensare a come è strano non sentirsi per un po’ e incontrarsi così, in momenti diversi, mischiando insieme differenti istanti della giornata. Il tuo mattino con le mia sera. È come abitare assieme in una stessa casa senza mai incontrarsi, tornare e cercare qui e lì, tra le stanze, le tracce che l’altro ha lasciato: un po’ di dentifricio nel lavandino, una tazza sporca vicino al computer, le coperte un po’ sgualcite…

Buffo, vero?, eppure così … non so … “delicato” … impalpabile come la carta velina nell’album delle foto. Mi ha fatto dormire serena in un mondo di colori tenui e leggerissimi.

 

Sto tornando ad essere me… forse.

Carta velinaultima modifica: 2010-11-16T14:23:00+00:00da aesha
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Carta velina

  1. e anche adesso abbiamo la prova che la terra gira, e che tutto torna…
    tu sei tornata a scrivere…si sono felice di questo…
    (rotolo nella pioggia)
    anche se sono piu felice che sei tornata tu…
    insomma mi mancavi,mi manchi, le sere senza te a parlare sono scarne.. i 721km che ci dividono si tramutano in 721 anni luce…insomma 721 motivi per non sopportare la tua assenza…
    721…721…721 volte che non ci sei stata e 721 volte che sei tornata…
    chissa…adesso starai attentamente leggendo,ovviamente sarai tranquilla perchè non ci sono io che ti ascolto..e che ti correggo…

    domada…
    DOVE VORRESTI INCONTRARMI???

Lascia un commento