Cancro

Ho provato a riposare ma non ci sono riuscita. Ho ancora nel naso e nella gola l’inconfondibile sapore delle lacrime. La mia vicina di casa non è riuscita a guarire… il cancro è arrivato fino alle ossa senza che i medici se ne accorgessero ed i suoi femori si sono sgretolati all’improvviso. È accaduto tutto in pochi mesi, l’ha scoperto per caso e la sua vita è cambiata all’improvviso. Da quando è accaduto è sempre mamma che la va a trovare e non prendono più il caffè nel nostro salotto. Non le sento più parlare di divani, di tende e di stoffe e mamma non l’aiuta più a sistemare la casa. Rosanna è sempre stata una signora piena di vita e di idee. Una signora caotica e solare, con una casa colma di soprammobili e quadri.

Come ci si rassegna ad una cosa del genere? Come si può stare in un letto d’ospedale, con due placche di ferro nelle gambe, e sapere che qualcosa, dentro di te, si sta cibando del tuo stesso corpo? Come si può guardare negli occhi un marito o un figlio e mascherare la propria paura per non farlo preoccupare maggiormente? Come si fa ad accettare la morte che si insinua in ogni tua cellula continuando ad amare la vita?

Sento di essere fatta di cristallo oggi. Sento il mio sogno di diventare medico esplodere nella mia testa e infiammarla completamente. Un giorno, forse, mi abituerò a tutto questo, in realtà lo spero.

Cancroultima modifica: 2010-08-19T15:36:14+00:00da aesha
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Cancro

  1. Ciao Aesha, purtroppo dicono che sia un male per cui non esistono cure o se ci sono, sono lunghe e difficili, dicono, ho scritto dicono in quanto ci sono cori di voci anche su internet le quali dicono che le cure esisterebbero ma vengono tenute nascoste per non spezzare il grosso giro di interessi che ruotano attorno a queste malattie.
    La cosa in effetti lascia un pò pensare, possibile che sono state debellate un sacco di malattie, mentre con il tumore ed il cancro non ci si riesca nonostante i miliardi di lire prima ed euro dopo finiti in questo pozzo senza fondo non vi siano mai risultati. Sarà veramente questo il motivo?
    Rimane il fatto comunque poveraccio chi si ritrova con un simile male.

  2. E’ sempre difficile accettare qualcosa che non comprendiamo pienamente.. ti aguro di riuscire a fare il medico, sicuramente la tua sensibilità seppur ti farà stare male, ti aiuterà a trasmettere ai pazienti quell’amore e quelle cure di cui hanno bisogno..

Lascia un commento