Treno

Quante persone si saranno sedute su quel piccolo sedile blu vicino al finestrino? Centinaia? Migliaia? Milioni? Donne, uomini, ragazzi, bambini. Italiani, stranieri, turisti, extracomunitari, clandestini senza biglietto. Buoni, cattivi, tristi, euforici, felici, solitari, in compagnia. Uomini d’affari, padri di famiglia, donne incinte, fedifraghi, mutilati, corrotti, ingenui, pettegoli, bigotti, estremisti. Suore, preti, missionari, militari, medici, insegnanti, venditori, rapinatori, venditori di cammelli…

Chissà… chissà con quante persone ho condiviso quel piccolo posto senza saperlo, quasi fosse un’amante comune a tutti noi.

Trenoultima modifica: 2010-06-11T18:40:00+00:00da aesha
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Treno

  1. Io di sicuro ci ho trascorso qualche ora, su quel sedile. Viaggio spesso, o comunque quando posso. Ed ho un rapporto di amore-odio con i treni…bella, la tua riflessione. Buonanotte e, nel caso in cui capitassimo nello stesso scompartimento e ci fosse un solo posto accanto al finestrino…beh, sappi che è mio, ok? 😛

Lascia un commento